You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Questo sito web utilizza cookie

Continuando a navigare in questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e sul modo in cui li utilizziamo, consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Ridurre costi e complicanze correlati all'assistenza grazie alla ventilazione protettiva polmonare

Se si raggruppassero tutti i danni agli organi di natura perioperativa, questi rappresenterebbero la terza principale causa di morte negli Stati Uniti.[1] Prevenire le lesioni agli organi, ad esempio i danni polmonari, può ridurre l'intensificarsi della necessità di assistenza postoperatoria.[2]

Comprendere i benefici economici derivanti dalla riduzione delle complicanze postoperatorie

Il costo delle complicanze postoperatorie oscilla tra 10.000 e 34.000 dollari a paziente.[3] [4] In questo video il Dott. Frédéric Michard illustra come l'impiego della ventilazione protettiva polmonare possa contribuire a contenere i costi riducendo le complicanze perioperative.

Diminuzione delle complicanze polmonari gravi

Dei 76 pazienti che hanno sviluppato complicanze polmonari ed extrapolmonari gravi, il 72,3% faceva parte del gruppo non sottoposto a ventilazione protettiva polmonare con l'utilizzo di bassi volumi correnti e PEEP.[5] Inoltre, nei pazienti del gruppo senza protezione polmonare il ricovero è risultato di 2,45 giorni più lungo.

Scoprite di più attraverso l'esperimento pubblicato nel New Journal of English Medicine

Scoprite come il Prof. Garcia riesce ad attenuare le complicanze postoperatorie

Il Prof. Garcia-Fernandez, docente di anestesiologia di prim'ordine operante a Madrid, Spagna, condivide la sua esperienza in materia di protezione polmonare durante l'anestesia, interpretando la ricerca più recente e illustrando le indicazioni su PEEP, Driving pressure e volumi correnti volte a ridurre le complicanze polmonari. 

Perché sono importanti le manovre di reclutamento polmonare?

Il reclutamento polmonare può attenuare notevolmente l'atelettasia, contribuendo a prevenire complicanze postoperatorie quali ipossiemia, polmonite, risposta infiammatoria locale e danno polmonare indotto dal ventilatore.

"Attualmente, i dati rivelano che dovremmo sottoporre a reclutamento tutti i pazienti", afferma il Dott. Carlos Ferrando, aggiungendo che "nella manovra di reclutamento PEEP si dovrebbe effettuare l'aumento graduale: è più sicuro".

Le manovre di reclutamento polmonare durante l'anestesia fanno la differenza, per voi e per i vostri pazienti

Alcuni clinici ritengono che il reclutamento polmonare sia complicato e richieda troppo tempo, ma non deve essere così.

Scegliere una tecnologia che semplifichi l'applicazione della ventilazione protettiva polmonare

Le unità di terapia intensiva hanno già provveduto a rimpiazzare le tecnologie di ventilazione più datate, quali pistoni, bag-in-bottle o maniglie di spinta, in favore di tecnologie più precise e accurate.

Perché non adottare un'assistenza di pari livello in sala operatoria?

Accertatevi di poter offrire al paziente la protezione di cui necessita

Riferimenti

  1. 1. Karsten Bartels et al., Perioperative Organ Injury, Anesthesiology, 12 2013, Vol.119, 1474–1489.

  2. 2. Timmers T.K., Verhofstad M.H., Moons K.G., van Beeck E.F., Leenen L.P., Long-term quality of life after surgical intensive care admission, Arch Surg., 2011; 146 412–8

  3. 3. Dimick J.B., Chen S.L., Taheri P.A., Henderson W.G., Khuri S.F., Campbell D.A. Jr., Hospital costs associated with surgical complications: a report from the private-sector National Surgical Quality Improvement Program, J Am Coll Surg., 2004; 199: 531–7

  4. 4. Vonlanthen R. et al., The impact of complications on costs of major surgical procedures: a cost analysis of 1200 patients, Ann Surg., dic 2011; 254(6): 907–13.

  5. 5. Futier et al., A trial of intraoperative low-tidal-volume ventilation in abdominal surgery, N Engl J Med., ago 2013, 1; 369(5): 428–37.