You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Questo sito web utilizza cookie

Continuando a navigare in questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e sul modo in cui li utilizziamo, consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Controllo delle infezioni e reprocessing in sanità

Ogni anno, centinaia di milioni di pazienti in tutto il mondo sono colpiti da Infezioni associate all'assistenza sanitaria (HCAI, HAI o infezioni nosocomiali).

L'Infezione associata all'assistenza sanitaria è un'infezione contratta dai pazienti durante la degenza in ospedale o in altra struttura di assistenza sanitaria che non era presente o incubata al momento del ricovero. Nei paesi occidentali circa l'8% dei pazienti ricoverati in ospedale contrae un'infezione, mentre nei paesi in via di sviluppo tale dato è addirittura superiore.

Quali sono le cause delle infezioni?

Le infezioni sono causate da diversi microrganismi molto comuni nel nostro ambiente. La maggior parte di essi è innocua o addirittura utile all'essere umano; tuttavia, i pazienti in regime di assistenza sanitaria sono normalmente più soggetti a contrarre infezioni dai microrganismi dannosi a causa di patologie sottostanti e/o altri fattori che ne hanno indebolito il sistema immunitario.

Batteri

I batteri si moltiplicano scindendosi e possono essere sia non patogeni (innocui) che patogeni (causano patologie infettive). Alcuni batteri possono formare endospore altamente resistenti che possono essere neutralizzate o uccise soltanto con la sterilizzazione. I batteri causano patologie infettive quali colera, antrace, lebbra, peste bubbonica, sepsi e SAMR.

Virus

Il virus ha una composizione semplice e non è classificato come cellula completa. Affinché il virus si moltiplichi è necessaria un'altra cellula infetta dal virus stesso. Con l'aiuto del DNA o RNA della cellula infetta, il virus può suddividersi e moltiplicarsi. I virus possono causare infezioni virali quali raffreddore, rabbia, vaiolo, morbillo, HIV, poliomielite, SARS e influenza.

Funghi

I funghi microscopici sono più sviluppati rispetto ai batteri e ai virus. Le loro dimensioni sono di 20 volte maggiori dei batteri. La maggior parte dei funghi patogeni deve essere presente in grande quantità per poter causare un'infezione e spesso occorre che il sistema immunitario della persona sia indebolito. La candidosi è costituita da diverse infezioni fungine provocate da un lievito noto con il nome di Candida. La candida causa ad esempio candidosi, infezioni fungine nell'area genitale e onicomicosi.

Protozoi

Il protozoo è un organismo monocellulare con un comportamento simile a quello degli animali ed è uno dei microrganismi più sviluppati. Il protozoo causa patologie quali malaria, criptosporidiosi e malattia del sonno.

Prioni

I prioni sono particelle infettive composte da sole proteine. Le patologie da prioni sono causate da una proteina di forma anomala, che funge da modello quando entra nella proteina sana e la muta per riprodursi. I prioni sono molto difficili da neutralizzare; l'OMS consiglia di combinare almeno due metodi di disattivazione dei prioni (disinfezione e sterilizzazione). I prioni causano la malattia della mucca pazza (BSE); quando questa malattia si manifesta nell'essere umano assume il nome di malattia di Creutzfeldt-Jakob.

L'obiettivo del controllo delle infezioni è ridurre il numero di agenti eziologici.

Il principio barriera

Getinge, ove possibile, promuove il concetto tre zone - due barriere. La prima barriera evita la contaminazione incrociata dei prodotti dovuta a contatti con il personale, mentre la seconda barriera evita di mescolare prodotti puliti e sterili. Queste zone sono separate da sterilizzatori e termodisinfettori passanti a doppia porta. I prodotti sporchi arrivano all'area di ricevimento negli stessi vassoi per strumenti, cestelli e contenitori nei quali sono stati consegnati. Dopo un'ispezione visiva i prodotti sono caricati sui termodisinfettori passanti oppure vengono puliti manualmente e, quindi, collocati sul termodisinfettore.

I prodotti puliti e disinfettati sono scaricati nell'area pulita per le operazioni di smistamento, ispezione e confezionamento. Una volta smistati, ispezionati e confezionati, i prodotti sono pronti per il reprocessing sterile. Una volta sterilizzati i prodotti sono conservati su rack o in carrelli per un successivo trasporto all'interno dell'ospedale.

Scopri di più sul controllo delle infezioni delle tre zone

Pulizia

Nel reprocessing di uno strumento o di un set, il lavaggio è considerato il passaggio più importante. Lo scopo del lavaggio è rimuovere lo sporco visibile, ridurre il materiale biologico e preparare lo strumento per il processo di disinfezione.

Disinfezione

Il processo di disinfezione riduce in modo significativo il numero di microrganismi patogeni presenti sugli strumenti, rimuovendoli e/o uccidendoli. La disinfezione non garantisce la neutralizzazione delle spore batteriche; tuttavia, il loro numero può essere ridotto in seguito al processo di lavaggio.

Sterilizzazione

La sterilizzazione implica la completa distruzione di qualunque forma di vita microbica, compresi batteri, virus e spore. Per essere efficace, la sterilizzazione deve essere preceduta dal lavaggio, cioè dalla rimozione di qualunque materiale estraneo dall'oggetto e dalla disinfezione, cioè dalla riduzione dei microrganismi patogeni a un livello non pericoloso per la salute.

Decontaminazione e reprocessing dei dispositivi medici per strutture sanitarie

Lo scopo del presente manuale è fungere da guida per il miglioramento degli standard nelle centrali di sterilizzazione delle strutture sanitarie di tutto il mondo.

Fare clic qui per scaricare la guida OMS