You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Questo sito web utilizza cookie

Continuando a navigare in questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e sul modo in cui li utilizziamo, consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Continua a battere

Con la chirurgia di bypass aorto-coronarico a cuore battente (OPCAB), il ritmo del cuore non si interrompe mai

Gli studi dimostrano che la chirurgia a cuore battente (OPCAB) migliora i risultati e riduce i rischi

Ampi studi sulla popolazione hanno dimostrato che il bypass aorto-coronarico a cuore battente (OPCAB), rispetto alla chirurgia con circolazione extracorporea, riduce la morbilità e la mortalità dei pazienti, diminuisce l'incidenza dell'insufficienza renale acuta, riduce la necessità di trasfusioni, migliora gli esiti neurologici postoperatori, diminuisce il rischio di ictus postoperatorio e riduce i tempi di ripresa.[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9]

Ulteriori informazioni sulle strategie per ottenere stabilità emodinamica

OPCAB: ridurre il rischio di ictus da micro embolie

Una delle cause principali di ictus correlato agli interventi chirurgici è la formazione di micro emboli, frammenti di placca che si staccano da un vaso sanguigno e si immettono nel flusso sanguigno dove possono bloccarsi nel cervello. Il rischio di ictus e della conseguente disfunzione cognitiva è maggiore con la chirurgia di bypass convenzionale rispetto alla procedura a cuore battente (OPCAB). È stato documentato che l'uso di clamp per interrompere il flusso sanguigno dell'aorta durante l'intervento chirurgico è responsabile del rilascio di tali frammenti nel flusso sanguigno. [10] [11] [12] Eliminando la necessità di clamp, i chirurghi possono ridurre al minimo la manipolazione aortica e pertanto ridurre il rischio di complicanze neurologiche.[13]

OPCAB con il sistema ACROBAT: ridurre l'uso di clamp negli interventi di CABG

Durante gli interventi di CABG convenzionali, per posizionare il paziente nella macchina cuore-polmone vengono utilizzate due clamp principali: una clamp trasversale e una clamp tangenziale. 

Negli interventi chirurgici di OPCAB, l'utilizzo della clamp trasversale non è necessario. Sebbene alcuni medici utilizzino la clamp tangenziale per creare un campo privo di sangue durante la sutura di un innesto sull'aorta, esistono alternative all'utilizzo delle clamp che consentono ai medici di massimizzare i vantaggi dell'OPCAB.

Per saperne di più sulle soluzioni per OPCAB di Getinge

Eliminare le clamp aortiche. Ridurre il rischio negli interventi di CABG.

Il sistema di tenuta prossimale HEARTSTRING III elimina la necessità di utilizzare clamp aortiche durante gli interventi di CABG. Ciò riduce il rischio di embolie cerebrali e migliora potenzialmente gli esiti neurocognitivi del paziente.

Per saperne di più sul sistema di tenuta prossimale HEARTSTRING III

Riferimenti

  1. 1. Sedrakyan A, et al. Off-pump surgery is associated with reduced occurrence of stroke and other morbidity as compared with traditional coronary artery bypass grafting: a meta-analysis of systematically reviewed trials. Stroke. Nov. 2006;37(11):2759-69.

  2. 2. Puskas JD, et al. Off-Pump coronary artery bypass grafting provides complete revascularization while reducing myocardial injury, transfusion requirements and length of stay: prospective randomized comparison of 200 unselected patients having OPCAB verses conventional CABG. J Thorac Cardiovasc Surg. 2003;125:797-808.

  3. 3. Stamou SC, et al. Stroke after conventional versus minimally invasive coronary artery bypass. Ann Thorac Surg. 2002;74:394-399.

  4. 4. Van Dijk D, et al. Early outcome after off-pump versus on-pump coronary bypass surgery: results from a randomized study. Circulation. 9 ott. 2001;104(15):1761-6.

  5. 5. Puskas J, Cheng D, Knight J, et al. Off-pump versus conventional coronary artery bypass grafting: a meta-analysis and consensus statement from the 2004 ISMICS Consensus Conference. Innovations. 2005;1:3-27.

  6. 6. Ascione R, Angelini GD. OPCAB surgery: a voyage of discovery back to the future. Eur Heart J. 2003;24:121-124.

  7. 7. Angelini GD, Taylor FC, Reeves BC, Ascione R. Early and midterm outcome after off-pump and on-pump surgery in Beating Heart Against Cardioplegic Arrest Studies (BHACAS 1 and 2): a pooled analysis of two randomised controlled trials. Lancet. 2002;359:1194-1199.

  8. 8. Demers P, et al. Multivessel Off-Pump Coronary Artery Bypass Surgery In The Elderly. Eur J Cardiothorac Surg. Nov. 2001;20(5):908-12.

  9. 9. Mack MJ, et al. On-Pump Versus Off-Pump Coronary Artery Bypass Surgery in a Matched Sample of Women: A Comparison of Outcomes. Circulation. 14 set. 2004;110(11 Suppl 1):II1-6.

  10. 10. Barbut D. et al. Cerebral emboli detected during bypass surgery are associated with clamp removal. Stroke. Dic. 1994;25(12):2398-402.

  11. 11. Pugsley W, et al. The impact of microemboli during cardiopulmonary bypass on neuropsychological functioning. Stroke. Lug. 1994;25(7):1393-9.

  12. 12. Barbut D, et al. Impact of embolization during coronary artery bypass grafting on outcome and length of stay. Ann Thorac Surg. Apr. 1997;63(4):998-1002.

  13. 13. El Zayat H, et al. Avoiding the clamp during off-pump coronary artery bypass reduces cerebral embolic events: results of a prospective randomized trial. Interact Cardiovasc Thorac Surg. Gen. 2012;14(1):12-6.