You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Select Your Country or Region
Invia
Covid 19 - Centro risorse

Monitoraggio Emodinamico Avanzato

L’importanza del Monitoraggio Emodinamico Avanzato in Terapia Intensiva ed in Sala Operatoria: quali vantaggi per il paziente?

In collegamento digitale

 
Mercoledì 22 Settembre 2021, ore 15:00


Moderatore:
Dr.ssa Elisabetta Bertellini


Relatori:
Dr. M. Pavesi – Ospedale Civile di Baggiovara – Modena
Dr F. Legittimo – Ospedale Civile di Guastalla – Reggio Emilia
Dr.ssa R. Ciraolo – Ospedale Infermi di Rimini

 

Iscriviti

Dettagli sull'evento

Data:
Città: In collegamento digitale

Informazioni contatto

Clicca qui per registrarti all'evento

 

Personalizzare le strategie terapeutiche

I pazienti in terapia intensiva presentano spesso una condizione emodinamica instabile. Stato volemico del paziente poco chiaro e conflitti terapeutici ostacolano l'implementazione di un'idonea strategia terapeutica: Aumento dei volumi? Uso del vasopressore o supporto inotropico?

Una sufficiente perfusione degli organi e un'ossigenazione ottimale dei tessuti sono di grande importanza. Contemporaneamente, è essenziale evitare il sovraccarico di volume, che può provocare edema polmonare e scambio gassoso interrotto. 

Un monitoraggio emodinamico avanzato ha pertanto un ruolo vitale nell'implementazione di strategie terapeutiche salvavita [2].