You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information.

Switch to the US site

Select Your Country or Region
Invia
Covid 19 - Centro risorse
ARDS

Ottimizzare il trattamento della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS)

L'ARDS è una sindrome che sembra essere difficilmente riconosciuta e trattata, ed è quindi associata a un elevato tasso di mortalità. L'ARDS è una malattia progressiva con una finestra di trattamento precoce che può essere sfruttata. [1]

Argomenti

ARDS – la sfida clinica


La sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) è una grave condizione polmonare che causa un basso livello di ossigeno nel sangue. L'incidenza dell'ARDS varia notevolmente; negli Stati Uniti è stata stimata un'incidenza compresa tra 78,9 e 81 casi su 100.000 pazienti, mentre in Europa si stima che sia compresa tra 7,2 e 25,5 casi su 100.000 persone.[2] Il numero globale di pazienti colpiti da ARDS supera i 3 milioni l'anno.[3]
La mortalità per ARDS grave si attesta al 46,1%, secondo uno studio osservazionale su 459 reparti di terapia intensiva in 50 Paesi.1 Negli Stati Uniti, l'ARDS coinvolge circa 200.000 persone e provoca 74.500 decessi l'anno.[4]

Quali sono le cause?


L'ARDS è una sindrome associata a molte patologie e la maggior parte dei pazienti è già ricoverata al momento della diagnosi. Secondo la definizione di Berlino dell'ARDS, vi sono vari sintomi che possono aiutare a determinare le condizioni del paziente, da lievi a gravi.
Un algoritmo tipico di trattamento per adulti con ARDS inizia tipicamente con l'ottimizzazione della ventilazione protettiva polmonare e procede con interventi più invasivi in base alle condizioni del paziente. Le strategie di trattamento devono essere personalizzate in base alla causa e agli interventi disponibili presso la struttura sanitaria. [5]

La pandemia di COVID-19 ha provocato un aumento dei pazienti affetti da sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) nelle unità di terapia intensiva di tutto il mondo. [6]

Articoli correlati

  • Sala operatoria
  • Terapia intensiva

Il valore del monitoraggio emodinamico avanzato

Oltre il monitoraggio di base - con parametri emodinamici avanzati. Scopri di più su pressione sanguigna, flusso sanguigno, precarico, postcarico, contrattilità e parametri dell'edema polmonare.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Monitorare il diaframma e migliorare la ventilazione meccanica

Il supporto respiratorio è un intervento salvavita nell'unità di terapia intensiva, ma senza il giusto equilibrio aumenta anche il rischio di esiti dannosi.1,2 E' qui che il monitoraggio del diaframma arriva in aiuto, perché funge da indicatore di esiti come la mortalità ospedaliera e lo svezzamento prolungato. Inoltre, può aiutare a prendere decisioni terapeutiche più consapevoli durante il trattamento respiratorio.

Più informazioni

  • Sala operatoria
  • Terapia intensiva

Comprensione immediata dei dati emodinamici

Gli approfondimenti sull'emodinamica presentano conoscenze preziose per i medici. In sala operatoria, i pazienti sottoposti a chirurgia beneficiano sempre di una stretta supervisione. Una somministrazione perioperatoria ottimale dei fluidi è la chiave per un recupero efficace. In terapia intensiva, la vita di un paziente gravemente malato dipende dalla giusta decisione sul passaggio terapeutico da intraprendere.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

La facilità d'uso del ventilatore influisce sulla sicurezza del paziente

La facilità d'uso può avere un impatto sulla sicurezza del paziente e sulla routine del personale. Questo articolo vi consentirà di accedere a uno studio sulla correlazione tra facilità d'uso e sicurezza del paziente. Potrete inoltre scaricare un modulo che vi aiuterà a eseguire un raffronto prima di investire in una nuova attrezzatura.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Hemodynamic Management in Sepsis Patients

Everyone is at risk of developing sepsis. Globally, up to 50 million people are affected by sepsis, every year. Every 2.8 seconds, one patient dies from sepsis and associated complications. Often, it can be prevented by vaccination, clean water and hygiene, safe childbirth, and preventing hospital-acquired infections (HAIs). However, sepsis is often underdiagnosed, especially at an early stage where treatments are more successful.

Più informazioni

  • Terapia intensiva

Paziente che riceve una ventilazione meccanica: perché il diaframma è importante?

La debolezza del diaframma aumenta significativamente il rischio di difficoltà nello svezzamento, svezzamento prolungato e mortalità ospedaliera, afferma il dr. Ewan Goligher, facendo riferimento a un recente studio condotto sull'argomento.

Più informazioni

Riferimenti

  1. Sadowitz B, Jain S, Kollisch-Singule M, et al. Preemptive mechanical ventilation can block progressive acute lung injury. World J Crit Care Med. 2016;5(1):74-82. Published 2016 Feb 4. doi:10.5492/wjccm.v5.i1.74

  2. Bice T, Cox CE, Carson SS. Cost and health care utilization in ARDS--different from other critical illness? Semin Respir Crit Care Med. 2013 Aug;34(4):529-36.

  3. Health Topic "ARDS" on National Heart, Lung, and Blood Institute

  4. ARDS Definition Task Force, Ranieri VM, Rubenfeld GD, Thompson BT, Ferguson, et al. Acute respiratory distress syndrome: the Berlin Definition. JAMA. 2012 Jun

  5. Fan E, Brodie D, Slutsky AS. Acute Respiratory Distress Syndrome: Advances in Diagnosis and Treatment. JAMA. 2018 Feb 20;319(7):698-710.

  6. https://www.thelancet.com/journals/lanres/article/PIIS2213-2600(20)30304-0/fulltext